COLPO BIANCOROSSO: UN GRANDE RITORNO TRA I GIOCATORI DELLA COPRA ELIOR

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

vermiglio

Dopo le indiscrezioni che lo volevano corteggiato prima dal Gubernia (Russia) e poi da Verona è invece Piacenza a mettere a segno un importante e strepitoso colpo di mercato ad opera dal nuovo duo Molinaroli – Ruggieri (coadiuvato dallo sponsor new entry LPR e dal sempre presente Elior).
Dalla prossima stagione sportiva i tifosi biancorossi e agli amanti del volley avranno la possibilitĂ  di rivedere Valerio Vermiglio, uno dei migliori palleggiatori in circolazione, calcare di nuovo i parquet della pallavolo italiana.

Concluse le stagioni russe, prima a Kazan e poi al Novyj Urengoj, il regista italiano riapproda in Italia per vestire, per la prima volta nella sua carriera, la maglia biancorossa di Piacenza.

LA SCHEDA

Nato a Messina il primo marzo del 1976, il palleggiatore italiano di 189 cm oltre all’aver fatto parte di squadre blasonatissime, può vantare un ricco palmares tra Campionato, competizioni europee e Nazionale.valerio_vermiglio_150

Vermiglio muove i primi passi nel settore giovanile della Zanclon Messina (1986) per poi spostarsi in quello della Sisley Treviso nella stagione 1993/1994. Il talento del regista è così evidente che a soli 18 anni viene promosso nella prima squadra dove vi rimane fino al 1996/1997.

I tre successivi anni li trascorre tra Salerno, Falconara e Padova per poi approdare nel 2000 alla Maxicono Parma dove vi rimane fino al 2002, stagione in cui fa rientro a Treviso. Conclude la sua esperienza nella città veneta nella stagione 2006/2007 quando, fatti di nuovo i bagagli, si trasferisce a Macerata fino al 2011 per poi affrontare l’avventura russa.

Con i club italiani vince 5 Scudetti (Treviso), 5 Supercoppe (4 con Treviso, 1 con Macerata), 5 Coppe Italia (3 con Treviso, 2 con Macerata), 3 Champions League (Treviso e Kazan), 1 Coppa CEV e 1 Challenge Cup (Macerata).

Nella stagione 2011/2012 conquista Campionato, Supercoppa di Russia e Champions League con la maglia di Kazan.

Il suo percorso in Nazionale si apre il 28 maggio 1999 con il match Australia – Italia (0-3); in questa parentesi della sua carriera riveste anche il ruolo del capitano. Con la maglia azzurra conquista l’argento ad Atene 2004, l’oro agli Europei del 2003 e 2005 e un bronzo nella Grand Champions Cup del 2005. Termina la sua esperienza in Nazionale nel giugno 2007.

Nel 2000 e nel 2004 viene rispettivamente investito dell’onorificenza di Cavaliere all’Ordine al merito della Repubblica italiana e di Ufficiale all’Ordine al merito della Repubblica italiana dal Presidente della Repubblica.

“Volevamo annunciare la notizia tra qualche giorno – ha dichiarato il Presidente Guido Molinaroli – ma abbiamo deciso di rendere pubblico il raggiungimento di un così importante ingaggio oggi, giovedì 3 giugno, per ringraziare tutti i nostri tifosi in previsione della festa di S. Antonino, patrono di Piacenza, fissata per domani”.

Vermiglio è sicuro e fermo nella sua decisione di vestire la maglia biancorossa:

“In Russia stavo bene, non lo nego, ma da Piacenza si è materializzata questa proposta che ho preso al volo. Piacenza è una squadra contro cui ho combattuto tante battaglie. Qui ritrovo Tencati, Papi e Zlatanov a cui sono molto legato pallavolisticamente parlando. Queste cose mi hanno portato a scegliere di firmare per Piacenza.

La Copra 2014/2015 sarĂ  sicuramente competitiva su tutti i fronti; sarĂ  una squadra che vorrĂ  conquistare il massimo possibile.

Per i settori della rosa ancora vuoti c’è la possibilità di innesti ad hoc questo per completare la competitività del team. Sarà poi nostra responsabilità costruire un gruppo forte e compatto. Per arrivare a questo fine avremo dalla nostra il pubblico e i tifosi piacentini: il loro calore, anche nei momenti negativi, rappresenta sempre un uomo in più in campo.

Il clima del PalaBanca è inimitabile e introvabile. Ho vinto la Champions League in Russia, ora vorrei vincerla da questa parte della barricata. Sicuramente vorrei incontrare sul nostro cammino una squadra russa e togliermi la soddisfazione di batterla”.

 

Fonte: E.U.ufficio stampa Copra Elior Volley

Commenti Facebook

INSERISCI UN COMMENTO