Premio “Stracca” al capo ufficio stampa della B-Chem Potenza Picena

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Michele-Campagnoli

La B-Chem Potenza Picena in evidenza alla tre giorni bolognese di Volley Mercato grazie all’exploit nella quarta edizione del premio “Stracca”. 

Il capo ufficio stampa biancazzurro Michele Campagnoli, giudicato miglior addetto stampa della stagione agonistica 2013/2014 in serie A2, ha ricevuto l’ambito riconoscimento nazionale dalle mani di Mario Salvini, giornalista del Gruppo Rcs (Gazzetta dello Sport). Il premio alla memoria di Roberto Stracca, giornalista del Corriere della Sera prematuramente scomparso nel 2010, è stato consegnato durante la presentazione dei calendari di A1 e A2.

Subito condiviso con la società, il successo del freelance recanatese in forza alla compagine potentina è un’ulteriore testimonianza dell’impegno profuso dalla B-Chem e dell’impatto brillante della squadra nei primi due anni tra i cadetti. Dal giorno dell’approdo nel volley che conta, il presidente Giuseppe Massera, il dg Carlo Muzi e il main sponsor Maurizio Bernardi hanno festeggiato anche la vittoria dei Premi Pindaro e Artista del Fuoco al Galà dello Sport di Macerata.

Alla B-Chem tutto è possibile dopo una vittoria del genere. Persino un’inversione temporanea dei ruoli. Il dg Carlo Muzi si è calato nei panni del reporter e ha intervistato il suo addetto stampa Michele Campagnoli:

Muzi: «Avevi mai vinto qualcosa?»

Campagnoli: «Dal 2007 sono giornalista professionista nell’Albo del Veneto, ma in ambito professionale avevo ricevuto solo elogi e pacche sulle spalle per i miei articoli di cronaca sui quotidiani locali. Dirigo l’ufficio stampa della B-Chem da due anni. Ogni nota stampa valorizzata dai colleghi è una vittoria personale da dividere con la società biancazzurra».


M: «Chi è stato il talent scout che ti ha voluto alla B-Chem?»

C: «Ho ricevuto la telefonata da un certo Carlo Muzi. Sapeva delle mie esperienze pregresse come corrispondente in serie A1 e A2, ma anche in World League. C’è stata empatia fin dal primo contatto. Continuo a occuparmi anche di cronaca a tutto tondo in riviera del Conero e seguo altri uffici stampa a cavallo delle province di Ancona e Macerata, ma per ora riesco a conciliare tutto».

M: «Cosa hai fatto di speciale per meritare il premio “Stracca”?»

C: «Quando ho iniziato l’avventura in biancazzurro i motori di ricerca sul web erano all’oscuro del Volley Potentino. Se merito o meno il premio lo devono dire gli altri, ma sono certo di essermi impegnato per far uscire dal guscio una bella realtà come quella di Potenza Picena. Al mio fianco ho collaboratori validi come lo speaker Sergio Campanari, Michele Massera e il fotografo Fabiano Rossi. Lo staff tecnico e i giocatori mi hanno aiutato con i risultati. I dirigenti sono cresciuti di pari passo organizzando al PalaPrincipi la pool B eliminatoria degli Europei Under 20 e ospitando per due volte la Junior League».

M: «E adesso cosa ti aspetta?»

C: «Testa bassa e pedalare. Con la cronaca d’estate si trotta e sto promuovendo progetti interessanti come Ingirogustando a Castelfidardo e Numana Città delle tartarughe in riviera. La B-Chem, invece, mi dà nuovi stimoli grazie al progetto improntato a valorizzare i giovani talenti. Mi spaventa un po’ il calendario. Un inizio duro contro Cantù e Matera, ma sono contento di rivedere presto ex-biancazzurri come Mercorio, Pinelli e Zamagni. Se abbiamo compiuto qualcosa di straordinario in A2 il merito è anche di giocatori come loro».

Fonte: ufficio stampa Volley Potentino

Commenti Facebook

INSERISCI UN COMMENTO